Notizie di oggi 23 Aprile 2022

E’ stato avvertito anche in alcune zone d’Italia il terremoto di magnitudo 5.7 era dat per magnetudo, poi ogni istituto riporta un valore diverso che ha scosso la Bosnia Erzegovina, Croazia, Serbia e Montenegro, alle 23.07 ora italiana. La scossa, segnalata sui social, è stata registrata da tutti i centri di rilevamento, tra cui l’Esmc, il Centro Sismologico Euro Mediterraneo- Il terremoto è stato localizzato a 42 chilometri a sudest di Mostar, a una profondità di 5 chilometri. Abbiamo notizie che la scossa è stata avvertita da Bari fino oltre Ancona, passando per tutta la costa da nord a sud dell’Adriatico. Al momento non si hanno notizie di danni a persone o a cose. Il centro piu vicino all’epicentro è stato Dubrovnik in Croazia.

Il 2021 ha fatto registrare un numero record di razzi che hanno portato in orbita più satelliti contemporaneamente. Ciò riduce il costo di lancio per satellite, ma spesso rende più difficile per le reti di sorveglianza individuare e tenere traccia dei singoli oggetti. L’orbita bassa sta diventando affollata. L’aumento del traffico di lancio e la natura di lunga durata dei detriti spaziali nell’orbita terrestre bassa sta causando un numero significativo di incontri ravvicinati, noti come “congiunzioni”, tra satelliti attivi e altri oggetti in orbite fortemente congestionate. Nel caso di scontro sono centinaia se non migliaia i detriti spaziali pericolosi per altri satelliti.

domenica 24 aprile
Nord: Spiccata instabilità, con rovesci e temporali, specie nel pomeriggio; neve sulle Alpi dai 1300m. Temperature in calo, massime tra 15 e 20.
Centro: Alternanza di schiarite ed annuvolamenti, con piogge sparse e rovesci intermittenti; in serata piogge più diffuse in Toscana, in attenuazione sull’Adriatico. Temperature stazionarie, massime tra 16 e 21.
Sud: Tempo stabile e in prevalenza soleggiato, salvo qualche temporaneo addensamento tra Molise e alta Campania. Temperature in aumento, massime tra 21 e 26.

lunedì 25 aprile
Nord: Nuvolosità sparsa, a tratti compatta, con qualche pioggia a carattere irregolare, specie sulle Alpi. Temperature stabili, massime tra 17 e 20.
Centro: Marcata instabilità atmosferica, con precipitazioni a prevalente carattere di rovescio, specie tra Toscana, Umbria e Marche, ma in genere di breve durata. Temperature stazionarie, massime tra 17 e 20.
Sud: Tempo stabile ben soleggiato, salvo qualche temporaneo piovasco sull’Appennino campano, Molise e Gargano. Temperature in calo, massime tra 18 e 22.

Riflessione sempre attuale:
Mia nonna diceva…
Non andare dove non ti invitano.
Non parlare di quello che non sai.
Non ti intromettere in quello che non ti riguarda.
Non aprire il frigo in casa d’altri.
Non chiamare dopo le dieci di sera.
Non andare a trovare qualcuno all’ora di pranzo.
Non entrare nella camera da letto degli altri, senza permesso.
Erano le regole della buona educazione e continuano ad esserlo, perché l’educazione non passa mai di moda.

Un altro vortice, partito dall’Irlanda ed attualmente sulla Spagna, raggiungerà l’Italia da Ovest. Domani le prime piogge bagneranno Liguria e Piemonte, poi gradualmente tra il pomeriggio e la sera si aprirà un’altra fase di maltempo, questa volta confinata in prevalenza al Nord. Antonio Sanò, direttore del sito www.ilmeteo.it, conferma che l’Italia sarà divisa in 3. Al Nord le massime stenteranno a raggiungere i 15-17°C ed avremo condizioni instabili per tutto il Ponte del 25 Aprile, anche con il ritorno della neve fino a 1300-1500 metri. Al Centro troveremo un Sabato soleggiato, una Domenica un po’ nuvolosa ed un 25 Aprile piovoso, ma con 20-21°C di massima; al Sud, invece, pieno sole con temperature tra i 22 e 25°C.

Riacceso al Cern il più grande acceleratore del mondo, l’Lhc (Large Hadron Collider).
Lo rende noto il Cern di Ginevra. Dopo una pausa tecnica di più di tre anni, durante la quale la macchina è stata potenziata, l’acceleratore è di nuovo attivo e due fasci di protoni hanno ripreso a circolare nell’anello di 27 chilometri.
Comincia adesso un periodo di rodaggio che potrebbe protrarsi fino a giugno-luglio, quando l’Lhc sarà pronto a produrre nuovi dati.
Nell’acceleratore, al quale l’Italia partecipa con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), due fasci di protoni hanno percorso, in direzioni opposte, un intero giro dell’anello lungo 27 chilometri a bassa energia, la stessa con la quale sono stati iniettati, pari a 450 miliardi di elettronvolt (450 GeV), in direzioni opposte.

Documentata l’infezione da SARS-CoV-2 più lunga in assoluto: durata 505 giorni, ha attanagliato un paziente immunodepresso, che poi non ce l’ha fatta nonostante le terapie. Presentato a Lisbona al congresso della Società Europea di Microbiologia Clinica e Malattie Infettive da esperti del King’s College London and Guy’s and St Thomas’ NHS Foundation Trust, il caso clinico rinforza l’idea che le nuove varianti del Covid si siano formate proprio in questi pazienti che non riescono a guarire. E non si tratta di un caso isolato: lo studio presentato in Portogallo ha infatti seguito ben 9 di questi pazienti con Covid lunghissimo, tutti immunodepressi per malattie (Hiv, tumori, etc) o terapie in corso (con immunosoppressori).

WhatsApp si evolve diventando quasi un social newtork. Lancia Community, una nuova funzione con l’obiettivo di riunire sulla chat più gruppi i cui membri si conoscono e si riuniscono in base ad un interesse comune, per raggiungere in maniera veloce, con pochi messaggi, un pubblico maggiore.
“Con il lancio di oggi, ci siamo spinti oltre permettendo alle persone di comunicare non solo con gli amici e con i contatti più stretti, ma anche con tutte le diverse community che fanno parte della loro vita – spiega Mark Zuckerberg – Costruiremo funzioni di messaggistica comunitaria anche per Messenger, Facebook e Instagram”.

Le forze ucraine a Mariupol bastano a “respingere gli attacchi” russi dice il capitano Svyatoslav Palamar del Battaglione Azov, che spiega di essere asserragliato nei sotterranei dell’ acciaieria Azovstal contro la quale sarebbero state gettate “bombe pesanti, bombe anti-bunker che provocano un’enorme distruzione”. A causa del pericolo sui percorsi”, oggi in Ucraina “non ci saranno corridoi umanitari.

Il comandante della flotta russa nel Mar Nero, l’ammiraglio Igor Osipov, è stato rimosso dall’incarico e arrestato dopo l’affondamento del Moskva. Lo riporta il media polacco Onet citando il portale ‘Defence Express’ che scrive di una caccia ai responsabili della disfatta dell’incrociatore.
I russi – sempre secondo la stessa fonte – stanno conducendo sopralluoghi nel punto dell’affondamento della nave e sarebbe sotto inchiesta anche il vice ammiraglio Arkady Romanov (attuale vice comandante della flotta del Mar Nero) che per ora ha assunto la guida della flotta nell’area.

Via libera da oggi, anche nelle circa 19.000 farmacie presenti sul territorio, alla distribuzione, dietro presentazione della ricetta del medico di famiglia, dell’antivirale in pillola contro il Covid19. La novità, introdotta dalla determina dell’Agenzia Italiana del Farmaco pubblicata in Gazzetta ufficiale, permetterà di rendere queste terapie più accessibili, come sottolinea Federfarma, e darà ai farmacisti un “ruolo decisivo per favorire la gestione ‘ordinaria’ della pandemia sul territorio”, precisa la Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani (Fofi).

Un caso di sospetta epatite acuta pediatrica di origine sconosciuta, una patologia molto aggressiva che colpisce i bambini sotto i dieci anni, e per la quale si sono verificati diversi casi in Europa, si sarebbe verificato nelle scorse ore a Prato.
A confermare la circostanza, dopo che il sito Notizie di Prato aveva diffuso la notizia, è l’Asl Toscana Centro. Il paziente ha tre anni ed è stato portato in ospedale nel pomeriggio di giovedì, ed è ora ricoverato all’ospedale Bambino Gesu’ di Roma. Non sarebbe esclusa la possibilità di ricorrere ad un intervento di trapianto di fegato.
Sarebbero già 7 le segnalazioni da varie parti d’Italia di epatiti “di natura da definire” fra bambini che causano forme acute,

Hits: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.