Lo stato di New York è alle prese con una storica tempesta di neve, che sta lasciando sepolte nel bianco molte località. Sin dalle prime ore di oggi, sabato 19 novembre, dalle aree più colpite dello stato arrivano segnalazioni di accumuli superiori a 150cm. Il totale più alto finora è di ben 167cm di neve, registrato a Orchard Park, che si trova a sud-est di Buffalo. Blasdell, invece, ha registrato finora 165cm di neve. In una situazione simile, l’area di Buffalo risulta paralizzata dai grandi accumuli di neve.
Ma la tempesta di neve non finisce qui. Ulteriori, importanti nevicate sono ancora possibili fino a domani, domenica 20 novembre: fino alla notte di domani, saranno ancora in vigore le allerte neve.

domenica 20 novembre, il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulla Calabria, specie sui settori tirrenici, in estensione alla Sicilia, specie sui settori settentrionali. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, attività elettrica e forti raffiche di vento. Dalla tarda mattinata di domani si prevedono, inoltre, venti da forti a burrasca nord-occidentali sulla Sicilia, in estensione alla Calabria centro-meridionale.
Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, domenica 20 novembre, allerta arancione su gran parte della Campania e sul settore occidentale del Molise. Valutata, inoltre, allerta gialla in Umbria, Marche, Abruzzo, Sicilia, Calabria, sul settore adriatico meridionale dell’Emilia-Romagna, sul Lazio meridionale, sul settore occidentale della Basilicata e sui restanti territori di Campania e Molise.

lunedì 21 novembre
Nord: Inizialmente soleggiato salvo nebbie sulla Val Padana. Entro sera peggiora al Nordovest con piogge e neve dai 1100m. Temperature stabili, massime tra 11 e 15.
Centro: Poco o parzialmente nuvoloso fino al pomeriggio; in serata nuvolosità in aumento con prime piogge in arrivo in Toscana. Temperature in rialzo, massime tra 13 e 17.
Sud: Instabilità in aumento sulla Sardegna con temporali entro sera; altrove poche nubi, salvo residui piovaschi su Sicilia e Calabria. Temperature in calo, massime tra 14 e 21.

Cinque scosse di terremoto, tutte localizzate in mare, hanno fatto tremare la costa adriatica nel cuore della notte dopo una giornata (quella di ieri) in cui lo sciame sismico aveva concesso un tregua prolungata. La scossa tra Rimini e Pesaro
Le vibrazioni sono state tutte localizzate nella stessa porzione di mare, la solita, tra i 9 e 10 Km di profondità a partire da quella segnalata alle 3.20 di magnitudo 2.8. Solo quella più forte, di magnitudo 3.1, si è verificata leggermente più a nord: tra Rimini e Pesaro. In mattinata, alle 9.36, la botta più forte: magnitudo 3.5 a soli 5 km di profondità sempre nello specchio di Adriatico tra Pesaro e Fano.

“Per tutto il giorno il personale addetto ha lavorato per ripristinare la normale possibilità tecnica di fornitura di energia elettrica, di conseguenza ci sono già molti meno blackout di emergenza”: lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo messaggio serale su Telegram. “A partire dalla serata, nella maggior parte delle regioni in cui persiste la mancanza di elettricità, erano in vigore gli orari di stabilizzazione, in particolare a Odessa e a Kiev” – ha detto -. “La difficile situazione dell’approvvigionamento energetico persiste in un totale di 17 regioni e nel capoluogo, nella regione di Kiev e a Kiev.

Un bombardiere strategico americano B-1B Lancer è stato dispiegato nuovamente nella penisola coreana per un’esercitazione aerea congiunta Usa-Corea del Sud, all’indomani del test nordcoreano di un missile balistico intercontinetale capace di raggiungere anche il territorio continentale Usa.

E’ morto nella notte a Roma il cantautore Nico Fidenco, aveva 89 anni. Il suo nome è legato soprattutto a grandi successi negli anni ’60, in particolare alla canzone ‘Legata a un granello di sabbia’, ritenuta il primo tormentone estivo della storia della musica italiana, oltre che al brano ‘What a Sky’, tratto dal film di Francesco Maselli ‘I delfini’.

Il metaverso non è solo un posto per giovani, anzi la nuova realtà tecnologica attrae maggiormente gli ‘over 36′. I ragazzi sotto i 25 anni, contrariamente a quanto ci si possa aspettare, si dimostrano più indecisi e hanno paura si perda il contatto con la vita fisica. Sono alcuni dati che emergono dalla ricerca condotta da Ipsos e dall’Osservatorio sul Metaverso che toglie il velo a dubbi e curiosità degli italiani nei confronti di questa nuova realtà immersiva che genera comunque diffidenza su accessibilità e anche a livello economico.

“Mosca non ha contattato ufficialmente Kiev per i negoziati di pace, ma la Russia dovrebbe in ogni caso ritirare completamente le sue forze perché i colloqui abbiano luogo”, ha affermato il capo dello staff presidenziale ucraino Andriy Yermak in collegamento video con il Forum internazionale sulla sicurezza di Halifax. “Non abbiamo ricevuto alcuna richiesta ufficiale da parte russa di negoziati”, ha dichiarato. Qualsiasi trattativa non basata sulla sovranità e sull’integrità territoriale dell’Ucraina entro i limiti dei suoi confini riconosciuti a livello internazionale “non è accettabile”, ha detto Yermak.

In un casolare abbandonato immerso nella nebbia, sono stati trovati dei resti umani. Siamo a poche centinaia di metri dalla casa di Novellara (Reggio Emilia) dove viveva la famiglia di Saman Abbas, e, a oltre un anno e mezzo dalla scomparsa della 18enne pakistana, potrebbe essere la svolta del caso. Il cadavere della ragazza era stato cercato in lungo e in largo dopo la sparizione il 30 aprile 2021, ma ogni tentativo era stato vano. Da ieri sera i carabinieri sono tornati vicino alla casa di Saman e hanno dissotterrato un cadavere. Ancora non ci sono conferme sull’identificazione e bisognerà fare tutti gli accertamenti e le analisi.

Nuovo intervento di salvataggio di un cane da parte dei vigili del fuoco nel Bolognese. E’ successo nel primo pomeriggio a Castel de’ Britti, sul primo Appennino. I proprietari di un meticcio di nome Joy hanno chiamato il 115 perché il loro cane era finito in un fosso pieno di fango, dal quale non riusciva a risalire. Si trattava infatti di uno scolo fognario che, a causa della pioggia, si stava riempiendo di acqua.
L’animale era in serie difficoltà ma il tempestivo intervento dei pompieri del distaccamento di San Lazzaro, sul posto con una squadra di sommozzatori del comando di Bologna, ha permesso di salvare Joy, che è stato recuperato e riaffidato ai proprietari. Nei giorni scorsi, a San Lazzaro, vigili del fuoco e polizia locale avevano soccorso e recuperato un cane finito tra i rovi sotto il ponte sul torrente Savena.

Una foto della Luna e una della Terra, in particolare dell’Australia, scattate rispettivamente a una distanza di circa 278.500 e 125 mila chilometri. Sono le prime immagini inviate da ArgoMoon, il satellite dell’Agenzia Spaziale Italiana, sviluppato e gestito dalla torinese Argotec, nell’ambito di Artemis 1, la missione della Nasa che segna il ritorno sul nostro satellite principale. Ora al Centro di Controllo di Argotec si sta lavorando per completare la messa in servizio e procedere con la missione.
ancona

Hits: 0

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *