Sono quattro le navi di Ong che sono davanti la costa della Sicilia orientale in attesa di un porto sicuro per fare sbarcare i migranti soccorsi nel mar Mediterraneo. Sono le tedesche Humanity 1, con 179 persone a bordo, e la Rise Above, con a bordo 90 persone dopo che due sono state soccorse da personale medico e trasferite e a terra a Siracusa; e le norvegesi Ocean Viking, 234 migranti a bordo, e Geo Barents, con 572 persone soccorse. Secondo i segnali dei trasponder emessi dalle navi, attualmente la Geo Barents e la Humanity 1 sono a circa 12 miglia dalla costa catanese, la prima un poco più a sud e l’altra a nord rispetto alla città. La notte scorsa si sarebbero avvicinate di più alla costa per proteggersi da un violento temporale che si è abbattuto sulla Sicilia orientale, ma poi hanno fatto ritorno nella posizione di ‘attesa’. E’ sempre davanti la costa catanese, ma all’altezza di Acireale, la Ocean Viking, che sembrerebbe però ancora in acque internazionali, ferma a poche miglia dal loro limite. E’ davanti la costa Ionica del Messinese, più a nord di Taormina, la Rise Above, che non è distante dalle coste della Sicilia e della Calabria. Tutte in attese dei controlli annunciati dal Viminale.

Azione degli ambientalisti di Ultima Generazione alla mostra di Van Gogh a Roma. Alcuni militanti del movimento ecologista hanno imbrattato con un passato di verdura l’opera “Il seminatore” esposta a Palazzo Bonaparte. Il quadro è esposto nell’ambito della mostra dedicata all’artista che ospita le opere del Museo Kröller-Müller di Otterlo ed è protetto dal vetro. Subito dopo l’azione degli attivisti è intervenuta la sicurezza che ha immediatamente chiuso le sale della mostra allontanando i visitatori. Gli attivisti dopo avere gettato il passato di verdura sull’opera si sono incollati alla parete e hanno urlato slogan contro l’uso del carbone e sul cambiamento climatico. L’azione è stata portata avanti da quattro esponenti del movimento ambientalista Ultima generazione, costola italiana di Extinction Rebellion che ha già messo a segno proteste di questo tipo in alcuni musei all’estero. “Ce lo aspettavamo, nessun danno ma è un gesto inutile”. Così all’ANSA Iole Siena, presidente e amministratrice delegata di Arthemisia, la società che produce e organizza la mostra di Palazzo Bonaparte.

Un boato, molta paura ma nessun ferito per il cedimento di un’ampia zona di terreno all’interno del perimetro dello stadio di Ercolano (Napoli), lungo il lato che affaccia su via Doglie.
Le bombe d’acqua cadute nella zona vesuviana hanno provocato il crollo di una parte del muro di contenimento e l’apertura di una voragine ai bordi della pista di atletica, non lontano dagli spogliatoi. Oggi pomeriggio era previsto l’allenamento dei giocatori dell’Ercolanese, che milita nel campionato di Eccellenza, ma la forte pioggia aveva tenuto gli atleti al coperto nelle proprie auto.

Nuovo tonfo per il prezzo del gas ad Amsterdam: i future Ttf con scadenza a dicembre hanno chiuso la seduta in ribasso dell’8,5% a 114,79 euro al megawattora, ritoccando i minimi da metà giugno.
Alla progressiva discesa del prezzo del gas stanno contribuendo le temperature sopra la media nel Vecchio Continente, che preservano le scorte accumulate durante l’anno, con gli stoccaggi della Ue ormai prossimi, in media, al 95% di riempimento.

Il presidente cinese: ‘Evitare il confronto tra blocchi e ideologie’. Il cancelliere tedesco è il primo leader del G7 a visitare la capitale cinese dopo l’inizio della pandemia: ‘Pechino usi l’influenza su Mosca per fermare la guerra’.

Le Borse europee allungano il passo dopo l’avvio deciso di Wall Street in scia ai dati positivi sull’occupazione americana, che confermano la forza dell’economia a stelle e strisce. Anche Milano avanza del 2,54%, chiusura ai massimi da giugno. Gli Usa hanno a ottobre hanno creato 261 mila posti di lavoro, un numero in lieve ribasso rispetto ai 263 mila del mese precedente, ma comunque superiore a quello atteso. Il tasso di disoccupazione cresce al 3,7% rispetto al 3,5%, per effetto di una maggiore partecipazione al mercato del lavoro.

La caduta incontrollata dello stadio centrale del razzo cinese Long March, che il 31 ottobre scorso aveva portato nello spazio il terzo modulo della stazione spaziale cinese, si è conclusa con un ‘tuffo’ nell’area centro-meridionale dell’Oceano Pacifico, alle 11,01 ora italiana.

Hits: 0

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *