ARCEVIA: Lupo Drago ucciso a fucilate

Il lupo “Drago”, dotato di un radiocollare, in quanto già stato ferito in precedenza e ricoverato in un Centro di Recupero di Animali Selvatici, è stato ucciso a fucilate. La carcassa dell’animale, fanno sapere Lac e Lav Marche, è stata trovata lungo il tratto di strada tra le frazioni di Prosano ed Avacelli di Arcevia (Ancona).
“In un primo momento, – fanno sapere le associazioni – sembrava che l’animale fosse stato investito ed ucciso da un veicolo, poi gli esami effettuati dal Cras Marche, intervenuto sul posto, hanno evidenziato la presenza di un’ampia ferita da arma da fuoco nel ventre, con un foro d’ingresso di un proiettile”. Ora si cerca di capire se il lupo sia stato ucciso in una zona limitrofa e trasportato da chi lo ha ucciso a bordo della strada, forse per simulare una morte da investimento, o se, pur gravemente ferito, l’animale abbia avuto la forza di trascinarsi vicino alla strada dove è morto”.
Lav e Lac lamentano “il fatto gravissimo dell’ennesimo episodio di uccisione di un lupo nella zona di Arcevia”, ricordano un altro animale ucciso da un laccio trappola lungo l’Arceviese. Sono veramente molti e troppi i lupi ammazzati a fucilate, avvelenati o finiti in trappole per cinghiali, ritrovati negli ultimi mesi ed anni lungo il tratto appenninico da Arcevia a Fiuminata”. “Il fatto poi che la Regione, come molte altre regioni, con la scusa della peste suina, permetta anche in questo periodo primaverile, quindi al di fuori della normale stagione venatoria, che si effettuino delle braccate al cinghiale, anche nelle vicinanze dei centri abitati, – lamentano le due associazioni – non fa altro che esasperare questo conflitto tra cacciatori e lupi. Come pure il pesante clima di odio e di demonizzazione nei confronti del lupo in atto da anni”.
Lac chiede “urgentemente un incontro tra i vertici dei Carabinieri Forestali regionali e delle Province di Ancona e Macerata con le parti in causa, per fare il punto sulla situazione e stroncare una volta per tutte questo vile e spregevole fenomeno del bracconaggio nei confronti del lupo, ma anche di altre specie animali e che negli ultimi decenni è purtroppo aumentato in modo esponenziale in tutta la Regione”.

Noi dal canto nostro auguriamo al bastardo vile del gesto di fare la stessa fine al piu presto, prima che continui a fare danni alla natura. Sempre piu forte viva il lupo e basta con la caccia lo sport dei trogloditi.

Hits: 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.